Il primo giorno: come arrivare preparati al raduno della squadra!

Interfaccia con la squadra 

Quando il giorno del raduno ci si incontra, normalmente nella seconda metà di Agosto, (in questo caso alla prima settimana.. se vuoi sapere il motivo trovi i dettagli qui) c’è l’aria del primo giorno di scuola: tutti in calzoncini corti, maniche corte o canotte, infradito ai piedi, belli abbronzati e felici. Discorsi dei dirigenti ad aprire le danze, si saluta calorosamente chi si ritrova dalla stagione precedente e ci si presenta con chi è nuovo, foto di rito e grandi sorrisi, tutti belli carichi per la nuova avventura. Il treno della stagione è già in corsa e tu il biglietto per salirci sopra, lo devi avere già fatto! 

Che cosa intendo? 

Tu devi sapere già tutto o quasi del tuo roster, tu devi aver già contattato ogni atleta e devi avere un’anamnesi, per lo meno sui punti salienti delle problematiche che le singole atlete hanno avuto, sapere se ci sono delle criticità recidive nelle loro carriere, aver già le idee chiare su quali possano essere le chiavi di lettura per ognuno. Questo è il viatico giusto per dimostrarti immediatamente “sul pezzo”, determinato a prenderti cura della salute di quello che è il gruppo che devi guidare. 

Come intendo procedere operativamente 

Avere i contatti di ogni atleta è una cosa che tutti fanno in via preventiva, ma la cosa che voglio fare è sviluppare un vero e proprio questionario di anamnesi con cui chiedere quelle che per me sono le priorità, una sorta di sondaggio da inviare dopo essermi presentato. Vorrei creare un modulo con Google Doc, che non solo si presenta molto bene ed in maniera molto ben organizzata, ma raccoglie i dati in automatico senza dover sollecitare nessuno a dover inviare mail o quant’altro. 

Un semplice documento consultabile sullo smartphone e con un tasto di invio che ti fa ricevere il riscontro della tua indagine. La tecnologia ci assiste! (Se vuoi vedere come lo imposto ti consiglio di guardare il video che caricherò entro la fine della settimana sul mio canale YouTube). 

Aver quelle informazioni mi permetterà di aver subito una bella strada da seguire!

Farò non più di 8-10 quesiti, avrò tempo di approfondire; lo scopo di questa indagine è solo imboccare la strada giusta con ognuna, dimostrando di aver già pianificato il percorso e avendo già individuato le peculiarità di ciascuna. Per entrare nei dettagli che sono doverosi avrò una stagione intera, non c’è bisogno di troppi particolari, come dice Gene, capo base a Huston, nel film apollo 13 “..non voglio tutta la Bibbia, mi bastano un paio di versetti..”

Per esempio, sapendo di qualcuno che soffre di una cronicità al ginocchio e presentandomi fin da subito con un programma preventivo ad hoc, direi che avrò un ottimo primo impatto.

Schede estive

Per non arrivare proprio totalmente a digiuno di attività e aver già un minimo di base line di partenza comune con tutto il gruppo sono solito mandare una scheda di allenamento di ripresa generale circa un mese prima del raduno (puoi scaricarla schiacciando il tasto qui sotto) .

L’obiettivo del protocollo è quello di inseguire un minimo di trofismo muscolare. 

L’equazione è semplice: più i muscoli sono forti e tonici, più offriranno sostegno alle articolazioni che saranno più protette da un involucro che gli darà compattezza e resistenza alle sollecitazioni. 

I volumi (numero di ripetizioni e serie sono medi/alti) e i recuperi incompleti (il tempo in pausa è importanti almeno quanto le fasi di lavoro) per cercare l’adattamento dei muscoli che ci servono. Non sto qui a spiegare nel dettaglio, ma la scelta è ponderata e se vuoi capire con precisione il perché scrivimi sotto e te lo spiego volentieri, ma non vorrei appesantire troppo la stesura di questo pezzo.

Nello sport il tempismo è tutto! Gli adattamenti del corpo devono arrivare quando previsto, come bisogna fare 25 punti per vincere un set prima dell’avversario  (non hai a disposizione tutto il giorno..) o così come devi segnare un gol in più nei 90’ nel calcio.

Normalmente tengo in considerazione 8-10 sedute di lavoro per ottenere il risultato che fisicamente desidero. E da qui la scelta di mandare l’allenamento circa 4 settimane prima: ipotizzando 2-3 sedute a settimana per ogni singolo, dovremmo arrivare al primo periodo della preparazione con il sostegno muscolare utile per tutte le partecipanti, che avranno svolto tutte dalle 8 alle 12 sedute in autonomia. 

Queste sono conditio “sine qua non” per aver la base su cui partire a costruire. Ultimo dettaglio che tengo a sottolineare è che enfatizzo gli stimoli sulla parte alta del corpo con focus sulla sulla parte dorsale, fondamentale per la protezione delle spalle (puoi valutare tu stesso con la scheda in allegato). La parte bassa del corpo seppure ovviamente importante viene più stimolata anche durate le fasi tecniche dell’allenamento, le gambe sono muscoli grandi e i salti in palestra fungono anche come stimolo alla condizione e bisogna tenerne conto se non vogliamo consumare le nostre atlete! 

DISCLAIMER: come promesso metto a disposizione il mio materiale ed in questo caso le schede pesi che puoi scaricare, ma come già spiegato, sono da utilizzare come spunto di riflessione e non da copiare ed incollare! Piuttosto, scrivete in un commento e chiedete se volete un mio parere ed esaminiamo insieme con grano salis il vostro caso per fare un lavoro adeguato: ne va della salute delle vostre squadre. 

Alziamo il livello della comunicazione, sono certo che ne farete buon uso! 

Seppure la stagione è ancora lontana almeno 60/70 giorni dal primo impegno ufficiale prepararsi a ritmo è determinante, per non trovarsi ad inseguire! 

Per conquistare fin da subito la fiducia del tuo gruppo hai un’unica via: dimostrarti fin da subito organizzato e con le idee chiare sul da farsi! 

Riflessione :

 “..non c’è una una seconda occasione, per fare una buona prima impressione!”  O. Wilde

Cose da fare: 

  • Raccogliere le info dalle atlete sul loro storico per non arrivare impreparato sui loro profili all’inizio della stagione 
  • Preparare le schede pesi da consegnare circa 4 settimane prima dell’inizio della stagione: ci vogliono 8-10 sedute di lavoro per avere un adattamento e vogliamo il nostro gruppo ad un livello più omogeneo possibile
  • Condividere le scelte: ricordarsi sempre che siamo il collante tra staff tecnico, staff medico e ovviamente il punto di riferimento della preparazione fisica per il gruppo. 

Nel prossimo articolo parleremo di quali sono le priorità che ho selezionato per la nostra stagione e di come intendo condurle all’interno della stessa.

It’s always day one! 

Restiamo in contatto! 

Se questo contenuto ti è stato utile, iscriviti al blog con la tua mail, verrai avvisato quando esce un nuovo articolo! Non ti preoccupare, nessuna spammata e nessuna mail di vendita stile “Compra, compra, compra…!” ;-). Oppure se vuoi sostieni il mio piccolo progetto offrendomi un caffè dal modulo qui sotto! 

Spero di rivederti presto! 

Grazie!

€1,00

2 Comments on “Il primo giorno: come arrivare preparati al raduno della squadra!”

  1. Pingback: La squadra vince su tutto! | Omar Capuzzo

  2. Pingback: COME ORGANIZZO LA SEDUTA PESI | Omar Capuzzo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: